lunedì 6 febbraio 2012

Qualcuno guarda ancora "AMICI" (di Maria De Filippi)?

E' una domanda sincera e non retorica.
Io lo guardo tutti i sabati, se ci riesco. Anche se mi fa montare un nervoso che sarebbe meglio guardare qualche altro programma...
Dell'Amici di un tempo non è rimasto più nulla se non l'involucro. I ragazzi/concorrenti/studenti di oggi riflettono i ragazzi/studenti che si incontrano oggi per strada: giovani sfrontati ed arroganti, spesso maleducati ed incapaci di chiedere scusa.
Anche i professori sono peggiorati, è un continuo litigare e nell'ora e mezza di programma quello che dovrebbe essere il protagonista della trasmissione (ovvero l'esibizione dei ragazzi) non viene mai mostrato per intero e tutte le sfide vengono fatte a diretta ormai finita e riproposte in "differita" nei giorni seguenti.
In questa edizione c'è un ragazzo che trovo davvero pre-oc-cu-pan-te. Un cantante-cantautore che canta biascicando. Dicono assomigli a Vasco ma il famoso Rossi ha iniziato a cantare in quel modo in età avanzata e dopo notorio uso di stupefacenti, non certo quando aveva 20 anni. A parte quindi il modo di cantare che non mi permetto di giudicare oltre non essendo un'intenditrice, posso dire che personalmente non mi piace ne come tono ne come interpretazioni. Poi è vero, come dicono alcuni suoi compagni, che c'è troppa visibilità per lui che dimostra tutto tranne che di essere una persona educata.

Continua a rispondere male ai professori, fuma in spazi non consentiti, addirittura se ne va dal programma e poi torna chiedendo scusa perchè non ha problemi col programma ma solo con i suoi compagni. Con tutti!
Non so cosa deciderà la produzione nei prossimi giorni. Una professoressa ha chiesto un provvedimento definitivo e spero che lo caccino perchè se no la credibilità del format calerà ancora più di quello fatto fin'ora. Una sorpresa (in negativo) è stata la sig.ra Maionchi. Mi chiedo come sia possibile chiedere educazione a dei ragazzi quando lei, in veste di professoressa di quella scuola, ride in faccia ad alcuni ragazzi quando questi parlano alla "commissione". Ride! Risponde male alla collega della stessa materia e se è normale che ci possano essere delle incomprensioni tra colleghi, è meno comprensibile che una persona dica parolacce ad un'altra davanti alla classe di alunni li presente. In quel modo non solo le manca di rispetto ma ne sminuisce anche la figura e crea degli alibi a deglii perfetti sconosciuti col desiderio di diventare famosi di permettersi atteggiamenti davvero fuori luogo (vedi quel ragazzetto che quando una prof. parla si lascia cadere come finto svenuto o come colpito da non si sa quale pallottola immaginaria).
La vita è piena di ingiustizie e questa è solo una piccolezza. Tutti a scuola, nello sport o al lavoro abbiamo incontrato persone a cui era riservato un trattamento speciale in virtù di qualcosa che...non abbiamo mai compreso. Trovo stupida la risposta: "così va il mondo" e mi piacerebbe che per una volta la televisione fosse capace di dare davvero un esempio positivo.
A cominciare dal modo di parlare e di comportarsi. E' vero che le regole sono fatte per essere infrante ma quando lo si fa...si dovrebbero pagare le conseguenze. Ci sono tanti ragazzi/e che provano ad entrare nella scuola di Amici per provare ad inseguire il loro sogno. Fanno selezioni e tantissimi vengono scartati. Poi accendono la tv e
vedono uno che ha ottenuto il posto e che: non ha un talento evidente, risponde sempre in modo strafottente, si rifiuta di ascoltare i consigli forniti dai professori e giustifica i suoi comportamenti irritanti dietro una presunta libertà di espressione e una sua (unica) capacità di pensiero. L'ultima volta uno ha gridato: mi volete eliminare perchè io ho delle idee.
In quel momento mi è venuto un brivido freddo. Dice di avere delle idee. Crede di essere vittima di un sistema che ne vorrebbe tarpare le ali...oh mamma!
L'unica cosa che da fastidio è che gli viene davvero concesso più spazio visibile rispetto agli altri ragazzi che al posto di mettersi li a rispondere male ogni volta (per catalizzare magari l'attenzione) provano ad ascolare e mettere in atto gli insegnamenti che le persone che lavorano con loro gli danno. E vengono anche giudicati pecore senza idee!
Mi spiace che non ci sia nessun amico o parente di quel ragazzetto a dirgli di darsi una regolata e che sta facendo una figuraccia dietro l'altra. E questo mi spiace davvero perchè significa che non ha nessuno che davvero tenga a lui e lascia che si mostri solo come un bambinetto viziato, testardo ed arrogante, incapace di relazionarsi con chicchessia.
Logicamente non è l'unico a fare una figuraccia, anzi. Maestri che dovrebbero essere lì solo per insegnare, si lasciano andare a frecciatine o commenti fuori luogo, quando va bene. Quando va male partono esclamazioni tipo: "ma smettila di rompere i c******i".
E la De Filippi dov'è?
Lei che dice sempre di tenerci così tanto ai "suoi" ragazzi, lascia loro fin troppa libertà non capendo che troppa libertà...porta alla rovina, se non si ha la testa sulle spalle.
Il format è esemplare sotto un altro punto di vista, quello attualissimo del pretendere sempre meno. All'inizio della sua storia, Amici era bello perchè metteva in gara dei ragazzi che entravano come ballerini, cantanti o attori ma poi...si confrontavano con tutte le discipline. Capitava così di vedere il ballerino che si cimentava con la canzone di Mina o la cantante che si affidava al primo ballerino in un passo a due. Ragazzi che si mettevano davvero in gioco. Oggi entrano cantanti pop e se gli viene chiesto di fare una canzone rock...stortano il naso! Stessa cosa per il ballo: "ha iniziato solo da un anno...come si può pretendere di più?".
Se mai si pretende, mai si caverà fuori qualcosa di buono.
Ora si specializzano come cantanti/ballerini e come...risponditori automatici: nessuna osservazione entrerà nel loro animo senza prima aver sputato fuori una qualche infantile e fragile scusa o obiezione.
Ma dopotutto non riflette altro che la cosa più frequente oggi giorno: la mediocrità che vuol rendersi speciale.
Una volta era il talento a parlare oggi...si fraintendono le parole per talento. Che gioventù triste.

1 commento:

  1. Lontani sono i tempi di Dennis Fantina e Monica Hill ed ancora più lontani i tempi in cui uno strepitoso Alessandro Errico iniziava a cantare in mezzo a quelli che erano solo gli AMICI in uno studio con cento ragazzi intorno a Maria e si parlava di quelli che erano i problemi giovanili (per chi volesse ascoltarlo http://www.youtube.com/watch?v=Bt5DCGAzj_I ).

    Negli ultimi anni si è visto un aumento impressionante del livello tecnico (per gli afecionados non è difficile ricordare quando i ragazzi facevano le prese e ci dovevano essere due o più insegnanti sotto per evitare che la presa finisse in un capitombolo generale) ed una diminuizione imbarazzante del livello educativo. Il problema è che spesso i più maleducati sono i professori. Quest'anno la Maionchi sta veramente dando il peggio di se. E sto aspettando quando nel serale sarà affinacata da un altro "maestro" dell'educazione che di nome d'arte fa Platinette.

    Maria è sempre stata una delle mie preferite ma devo ammettere che ormai amici(come purtroppo la maggior parte dei talent show) non è più un talent show ma un litigio show.
    Si passano due ore a sentire litigare i professori tra loro, gli allievi tra loro, gli allievi che rispondono a cu*o a tutti (che se solo ci fosse stata li la mia maestra Rina Spina Denti altro che a casa erano ceffoni che volavano se ti permettevi anche solo di alzare gli occhi al cielo).

    Vogliamo veder ballare, vogliamo sentir cantare...questo e basta!
    Ma questa è un utopia!

    Titti

    RispondiElimina