giovedì 5 aprile 2012

Qual é la vostra brioscina?



Per "brioscina" in verità intendevo madeleine ma non volevo menarmela perché magari non tutti hanno letto il libro di Proust in cui si parla di quel dolcetto. Così...ecco cosa intendo per brioscina : La memoria ci dà la possibilità di rivivere momenti passati che associamo a determinate sensazioni: il sapore della madeleine[2], riassaporato dopo anni, ricorda al protagonista le giornate d'infanzia passate a casa della zia malata a Combray.
Se é vero che la vita é un continuo scorrere o divenire, é anche vero che la memoria non é infinita e col tempo si finisce inevitabilmente per perdere per strada qualche ricordo.
Ricordo che poi magari ritorna vivo grazie ad un oggetto e situazione che ce ci fa fare un tuffo nel passato, nel ricordo di una determinata sensazione o persona, luogo e così via.
Capita che si cammini per strada e si senta il profumo di qualcuno davanti a noi che ci fa come bloccare e calare davanti agli occhi della mente una sorta di "telo" su cui scorrono le immagini di un episodio di anni fa.
I ricordi più strani incombono su di noi senza che a volte si sappia bene cosa sia stato a richiamarli e...sono forti e vividi come il giorno in cui si sono cristallizzati in noi. Questi ricordi a volte ti riportano persone che la distanza fisica o di cuore aveva allontanato dalla tua vita.
La cosa bella é che puoi essere cresciuta e magari anche cambiata eppure il ricordo é sempre uguale. Spesso l'emozione più frequente, che accompagna un ricordo, é la malinconia. Dopotutto si é consapevoli che quel ricordo riporta un qualcosa che é stato ma che non sara più.
Una cosa strana é che mentre il ricordo di un dolore perde buona parte di se con gli anni, il ricordo di un episodio felice non esaurisce mai la sua carica di positività. Se si pensa ad una nostra caduta rovinosa o al dolore di un'operazione, difficilmente torneranno le lacrime; mentre nel ricordare qualcosa di bello...spunta quasi sempre un sorriso. Le mie brioscine più frequenti sono le canzoni. Ne ho quasi una per ogni persona che conosco. Musica che si lega al ricordo di una persona e che me la rende come eterna.
Una é "Strano il mio destino" di Giorgia, una canzone apparentemente tristina. Cioè che potrebbe suscitare un ricordo di qualcosa d triste. Invece a me ricorda uno dei momenti più da "esaurita" della mia vita. Ero a Bellaria per un torneo e finite le partite, verso le sei di sera, sono andata a fare un giro con Titti ed un amico (che oggi non vedo più). Camminavamo ascoltando la musica del mio mp3 e ad un tratto scatta la canzone di Giorgia. Non so chi inizio a cantare...so che ci trovammo tutti e tre intorno al mio lettore a cantare a squarciagola. In mezzo alla strada! A turno ci filmavamo in un improbabile festival di San Remo ambulante e anche ora, se ci penso, mi sembra di essere li.
A distanza di anni mi lascia sempre la stesSa sensazione di spensieratezza che la routine della vita cittadina tende a soffocare.
Un momento indimenticabile, unico e speciale perché particolare e mio.
Certo che la mente é una cosa fantastica, come la vita. E la vostra brioscina madeleine qual e ?!

1 commento:

  1. Sei davvero riuscita a leggere "Alla ricerca del tempo perduto"?
    Io credevo fosse un libro unicamente letto a livello scolastico! ho provato a leggerlo ma l'ho trovato terribilmente noioso, sconnesso e illeggibile. Non tanto per i contenuti, molto interessanti, soprattutto la riflessione sul ricordo, quanto per i continui salti temporali!! Impossibile seguire il filo logico del narratore!!

    Bello comunque il resto del tuo articolo, gran bel paragone il tuo, con musica e profumi. Brava Micky! :)

    RispondiElimina