venerdì 22 giugno 2012

Quel giornale abbandonato sul sedile

E' una cosa che mi fa imbestialire.
Quel giornale è stato preso gratuitamente ad una fermata della metro.
Vi ha accompagnati per un viaggio, lungo o breve che fosse.
Vi ha fatto scoprire che Balotelli è uscito con l'ennesima escort.
Vi ha ricordato di come ogni giorno si sia tutti più in crisi.
Vi ha regalato lady Gaga come giornalista.
Vi ha protetto dalle schifezze che erano appiccicate sul sedile della metro.
Vi ha fatto aria una volta che avevate finito di leggerlo e l'avevte reinventato ventaglio.
Poi basta.
Non merita neanche un degno riposo in uno dei mille cestini che vi circondano.
Sarebbe cattivo sottolineare che il primo cesso che abbandona in giro schifezze siete voi...e che
quindi dovreste riconoscere i vostri simili ed infilarci dentro tutte le cose che siete troppo pigri da accompagnare a giusto commiato e che invece lasciate scivolare indifferenti dietro di voi.
Alcuni vi elogiano perchè alla fine invece voi muovete, creativamente, il mercato.
Se voi non sporcaste in giro...cosa farebbero quei poveracci che ad ogni capolinea salgono su ogni carrozza con scopa e paletta a raccattare ciò che qualcuno ha disseminato in giro?
Invece siete solo dei cafoni egoisti e fastidiosi.
Perchè dovrei spostare io il giornale che avete lasciato sul sedile? Chissà cos'avete toccato con quelle manacce che sono comandate da una testa che non si pone il minimo problema di cosa fare in giro.
Persone che, se nel prendere un giornale ne tirano su tre, gli altri due? Li buttano per terra così che qualcuno potrebbe anche scivolarci sopra!
Gente che non pensa che, per raccogliere ciò che loro hanno "perduto", altra gente poi dovrà piegare la schiena e fare fatica una, dieci, cento volte.
E' solo un giornale abbandonato sul sedile ma chi lo lascia lì si dimostra davvero una persona da poco.
Da poco pensiero.
Di poca sensibilità.
Di poca educazione.
Però un "molto" anche lei ce l'ha. Ed è che è una persona molto comune = davvero poco speciale.
Perchè non si tratta di abbracciare temi ecologisti e dirvi che lasciando li fogli sparsi in giro inquinate il mondo. Si tratta di ricordarvi che ovunque, in ogni momento, si dovrebbe pensare ad avere rispetto di qualcosa che non è solo personale ma di tutti.
Quante parole e quante spiegazioni...è una cosa che non si deve fare, punto. E io ve lo ricorderò. Occhio.






Nessun commento:

Posta un commento