mercoledì 3 febbraio 2016

Una parrucca in vacanza

Capita che in giornate così, col cielo quasi verde e la grandine che viene giù rumorosa, ti venga in mente qualcosa di lontano, caldo e colorato.
Oggi vi racconto la storia della parrucca in vacanza. Una storia vera.

Pare che anni fa, due giovani decisero di imbarcarsi su un aereo per festeggiare il Capodanno nella capitale spagnola.
Dicono che, una volta atterrate, siano state avvicinate da strani tizi con interi sacchi pieni di parrucche arcobaleno. E tutto il polverone sulle unioni civili, le adozioni gay e i cristianissimi family day non fossero neanche nell'aria. A quanto dicevano le persone del posto bisognava festeggiare nel modo più allegro possibile e studi scientifici da loro messi a punto avevano dimostrato che il putiferio di colori dell'arcobaleno era un'immediata ricetta di allegria.
Così caldamente convinte, le due italiane in vacanza avevano reso onore alla nomea di boccaloni di quel popolo e non avevano comprato una sola parrucca bensì due!
Una ammise sinceramente di aver realizzato un suo grande sogno: non solo quello di essere riccia ma anche di essere riccia arcobaleno!
L'altra aveva decisamente subito l'arte diplomatica dell'amica e del venditore e senza sapere come...si ritrovò in testa un'acconciatura che avrebbe fatto vincere il titolo di più bella dell'anno. Gallinella più bella dell'anno.
Così bardate le due giovani entusiaste camminarono nelle strade di Madrid, perfino (o sopratutto) in pieno giorno. La novella riccioli d'oro sembrava camminare a mezz'aria mentre gallinella pigolava chiedendole la grazia di esibire le loro acconciature solo al popolo della notte. Riccioli però sapeva benissimo che Gallinella mentiva poiché, come il suo nome suggeriva, lei neanche sapeva cosa fosse la notte (figuriamoci la sua vita!).
Morale: vagarono per tre giorni fotografando come precisi cinesi ogni angolo del loro itinerario, mangiando bocadillos ed ingurgitando churros sempre e solo con la parrucca in testa. Sono numerosi i documenti fotografici pervenuti a noi, semplicemente...imperdibili!

La leggenda narra che Gallinella si sia liberata di nascosto della sua chioma posticcia in un losco angolo dell'aeroporto madrileno mentre Riccioli è ancora tra noi, custodita gelosamente in un angolo remoto della sua dimora. E pare che spunti saltuariamente in almeno una foto di ogni sua nuova vacanza.

Continua...



5 commenti:

  1. Ahahahahah fantastiche!!! W Riccioli e Gallinella :-D
    Michy mi hai fatto morire dal ridere!!

    RispondiElimina
  2. hahahhahah muoio dal ridere!!

    Un ricordo bellissimo!

    RispondiElimina