giovedì 7 marzo 2013

La novella della badessa e le brache - Decameron di Boccaccio

Qualche settimana fa avevo scritto di un'altra, divertentissima, novella di quest'opera del 1350 circa: Chichibio e la gru.

Oggi ve ne presento un'altra molto carina che si trova nella IX giornata  del Decameron, 2° novella del giorno.
Il testo completo lo trovate a questo indirizzo internet: testo. Vi consiglio di leggerla perchè è carina e vi "costerà" neanche 5 minuti di tempo!

Volete necessariamente il mio personalissimo riassunto?
Per il bene della cultura e della sua diffusione vi accontenterò, pigroni!

Riassunto:
C'era una volta in Lombardia un monastero famoso per la sua devozione religiosa. Tra le monache ce n'era una di particolare bellezza di nome Isabetta che era solita ricevere viste da un parente alla lontana. Ben presto le grate che li separavano divennero per i due giovani una barriera troppo dolorosa da sopportare e cercarono il modo per incontrarsi senza ostacoli. La soluzione fu più semplice di quanto si pensasse e gli amanti iniziarono ad incontrarsi nella di lei cella, di notte. Una volta però il ragazzo fu notato da una con-sorella che lo spifferò immediatamente alle altre religiose che decisero di montare la guardia per comunicare alla badessa eventuali altri incontri sconventienti. E quel giorno non tardò ad arrivare...così corsero quindi a svegliare la superiora che
si vestì frettolosamente al buio e raggiunse il capezzale degli amanti. Qui trascinò fuori dal letto Isabetta e la mise come davanti ad un tribunale di accusa. Tutti gli occhi erano rivolti alla peccatrice che non osava alzare i suoi da terra ma, dopo aver ascoltato mille rimproveri, trovò il coraggio per alzare lo sguardo e disse alla badessa che avrebbe ascoltato pazientemente tutto ciò che lei aveva da dirle se solo...si fosse sistemata la cuffia che aveva in testa! Usimbalda, la badessa, si stupì della risposta della giovane e la invitò a pensare alle sue azioni piuttosto che al suo copricapo ma Isabetta insistette ancora sul copricapo della badessa e fece sì che tutte le consorelle si girarono a vedere che stranezza avesse mai la superiora in testa. E mentre Usimbalda scopriva con le mani quello che le altre scoprivano con gli occhi...ci fu un momento di totale imbarazzo per la scoperta che la badessa aveva in testa...un paio di pantaloni da prete, ovvero colui con il quale stava giacendo quando le monache la svegliarono! Così, senza poter più far finta di nulla, dichiarò che era evidente che era impossibile difendersi dalle tentazioni della carne e disse che potevano fare così anche tutte le altre, con discrezione. Cosa che provocò in alcune sdegno ed in altre...entusiastica partecipazione!












Nessun commento:

Posta un commento