martedì 31 gennaio 2012

Paros - 7/13 Agosto 2011

Due orette e tac! una nuova isola, descritta dalle guide come seducente ed incantevole. Non so perchè!
Paros per me è....grandezza, vento e...bomboloni di Naussa. Ma con calma, andiamo punto per punto!

  • abbiamo alloggiato presso le stanze di Rena. Soluzione conveniente a Parikia, capoluogo dell'isola, ma davvero troppo spartana. Niente aria condizionata, niente ascensore, scala ripida, letto murato a terra (!!!) e bagno con doccia di quelle che non hanno il piatto doccia ma si bagna ovunque. Situato in posizione comoda, aveva vicinissimo un motonoleggio che ci ha affittato lo scooter più bello (e pesante) della vacanza
  • non mangiate sul lungomare: ristoranti turistici cari e porzioni minime
  • da vedere a Parikia: la città vecchia, un intrico di case bianche e strade coi ciottoli dai contorni bianchi definiti ad uno ad uno. La chiesa della Panagia Ekatompiliani, bella sopratutto di giorno. 
  • scordatevi il film Immaturi 2: non è Rimini
  • possono capitare giorni in cui il vento è talmente forte da rendere pericoloso guidare il motorino
  • la cittadina più bella dell'isola è Naoussa, paesino di pesca molto chic. Mangiare pesce qui vi costerà molto, se no andate al porto e con 30€ in due vi mangiate una grigliata di pesce da sfamare voi e qualche gatto che vi si sarà appollaiato sotto il tavolo
  • a Naussa dovete andare sia di giorno che di sera, quando merita di più. E sopratutto quando apre un locale che fa
    i bomboloni della foto qui sotto! Una delizia unica delle Cicladi: frittelle ricoperte di quello che volete, dal miele al cioccolato, con sopra due palle di gelato. A 5€. Un sogno :-) come trovarlo? seguite la fila!
  • servizio bus comodo ed efficiente (anche di notte)
  • molto carino anche Lefkes, paesino su di un promontorio pieno di ristorantini caratteristici. Non fermatevi al primo che vi capita sulla sinistra
  • 7 giorni sono troppi per stare a Paros, ve la cavate abbondantemente con cinque. Compresa l'escursione ad AntiParos, traghetto ogni mezz'ora. Il mare non è bello però dovete assolutamente cercare la taverna Zombos e mangiare il polipo della casa. Una delizia.
  • infine avventuratevi verso il monastero di Ayos Antonios. Appollaiato sul monticello più alto dell'isola, difficilmente il vostro motorino riuscirà a portarvi fino in cima vista la pendenza ma da su...il panorama è spettacolare!!!
  • diciamo che è un'isola consigliata a chi ha voglia di girare col motorino alla ricerca di spiagge dagli scomodi sassolini ma dall'acqua pulita e piena di pesciolini

Tag:
cicladi - ciclades - grecia - Hellas - greek - paros - vento - naoussa - monastero

1 commento:

  1. Come per tutte le isole che abbiamo visto l'unico modo per sopravvivere alla noia di questo nulla è avere il motorino. Con questo mezzo si possono raggiungere i posti più impensati.
    Chicca: eravamo sulla strada sotto Ayos Antonios e Micky con aria di sfida mi dice "TI PORTERO' LASSU'" ed io ovviamente sicura che non ce l'avremmo mai fatta (o meglio che il motorino non ce l'avrebbe fatta) ho detto "SI SI VAI!!". E non l'avessi mai detto. A passo d'uomo con noi due sul mezzo a simular la spinta per aiutare nella salita ... CI SIAMO ARRIVATE!!! Sensazione stupenda di VERTIGINE (che non è paura di cadere ma è voglia di volare)..e il motorino che per la fatica ha deciso di ingonfarsi proprio in cima al monticello, ma MC GYVER (un simpatico papà francese) era li pronto ad aiutarci!!!

    Paros: a Naoussa sono davvero indimenticabili le frittelline con il cioccolato fuso sopra (ma ci sono anche al miele, con le noccioline etc), il pesce mangiato al porto, la passerella di cemento che portava dal porto ad una torretta. Naoussa in se è carina, piena di ristorantini e negozi, ma non si può pensare di farci una settimana.
    Vento davvero troppo forte soprattutto in montagna dove a parte il freddo polare si rischiava di cadere.
    Spiagge nulla di che.

    Andiparos: beh solo il polipo merita una visita.

    Come dice Micky se andate a vedere "Immaturi 2 il viaggio" e uscite pensando di andare a Paros beh sappiate che nulla di quello visto è reale.

    Isola sopravvalutata.
    Titti

    RispondiElimina