mercoledì 13 marzo 2013

Puntinismo - l'arte ci salverà

Ebbene: che cos'è il puntinismo? Wikipedia ci aiuta con la definizione:
Il puntinismo (noto anche col termine francese pointillisme) è un movimento pittorico caratterizzato dalla scomposizione dei colori in piccoli punti che sono applicati con colori puri, sviluppatosi in Francia verso il 1885 e così denominato dal critico Félix Fénéon.

Come mi viene in mente di scrivere di una cosa simile?
Perchè era uno dei movimenti artistici che mi colpi' di più a scuola.
Ricordo ancora la spiegazione della mia prof. relativa al dipinto Domenica alla Grande -Jatte e il suo successivo invito a provare a disegnare noi qualcosa di simile.

Domenica alla Grande-Jatte, 1884-86, olio su tela, 207x308cm - Chicago Art Institute
Perchè non ci provate anche voi? Vedrete subito che non è una tecnica infantile o semplice come potrebbe sembrare ma richiede molta pazienza e capacità di "astrazione".

Personalmente questa tecnica mi piace molto perchè i colori sono numerosi ed in tale contrasto tra loro da determinare essi stessi, con il loro accostamento, le forme del dipinto.

Simile al puntinismo era il divisionismo, di cui fa parte uno dei miei dipinti preferiti, quel "Il quarto stato" di Pelizza da Volpedo che abbiamo la fortuna di avere molto vicino a noi, qui a Milano nel Museo del '900 e di cui parleremo più avanti.

Eccone qui sotto alcuni tra i miei preferiti:

Felix Feneon di Paul Signac, 1890, 97x73


Costantinopoli di Paul Signac

Il circo di George Seurat, 1890, olio su tela - 185.5x152.5
questa bellissima versione della Tour Eiffel è sempre di Seurat, del 1889 ed è grande appena 24x15cm!
voi cosa ne dite? L'arte ci salvera? Almeno vi colora la giornata dai!

2 commenti:

  1. Io ho un mio CAPOLAVORO fatto a scuola con questa tecnica! Se riesco a fargli una foto magari lo puoi mettere sotto queste foto!

    RispondiElimina
  2. Sììììì,mi ricordo del puntinismo: a scuola mi colpì moltissimo,assieme all'impressionismo (adoro Monet!!)!Anch'io ero rimasta sbalordita da "Domenica alla Grande-Jatte",dalla tecnica pittorica,dall'uso dei colori vivaci,dalla plasticità che si riesce ad ottenere. Cavolo,quanta pazienza e precisione ci vogliono per realizzare un dipinto del genere?!Il risultato poi è straordinario!Di Signac francamente ricordavo solo "Costantinopoli" ma mi ha colpito molto "Felix Feneon":davvero "magico".Poi siccome volevo fare la figa sono andata alla ricerca di altri dipinti di Signac e volevo postare "Donne al pozzo" ma non ci sono riuscita,quindi mi limito a citarlo:non è bellissimo con quei colori super-accesi?Io lo adoro!
    Non so se l'arte ci "salverà" o meno,ma so che finchè c'è arte c'è speranza:-)

    RispondiElimina