mercoledì 27 marzo 2013

CIME TEMPESTOSE - EMILY BRONTE


CIME TEMPESTOSE - EMILY BRONTE
LA TRAMA
Il paesaggio è la brughiera di Yorkshire (familiare alla scrittrice poiché luogo della sua giovinezza). Le scenografie principali sono le due case: Wuthering Heights, dove si svolgono le scene più violente e Thrushcross Grange, dove si manifesta la tranquillità famigliare.
La storia inizia con il dialogo tra il sig. Lockwood, appena trasferitosi a Thrushcross Grange, e la sig.a Dean, la governante. La sig.a Dean racconta la storia di “Wuthering Heights” partendo da quando il sig. Earnshaw, di ritorno da un viaggio da Liverpool, portò con se Headcliff (il protagonista) un orfanello di sei anni. Probabilmente a causa dei vizi che il patrigno concesse ad Headhcliff, il bambino diventò in breve tempo antipatico al fratellastro Hindley mentre instaurò un rapporto di complicità, che poi si trasformerà in amore, con la sorellastra Cathrine. Con la morte del sig. Earnshaw, Hindley diventa il capofamiglia, si sposa ed ha un figlio: Hareton. Catherine si trasferisce a Thrushcross Grange ospite della famiglia Linton e successivamente si sposa con Edgar, figlio dei Linton e fratello di Isabella.

Heathcliff nel frattempo fugge e starà via per circa tre anni.
Il racconto della Sig.a Dean riprende con il ritorno di Heathcliff, il quale da subito appare
cambiato nei modi e nel suo stato sociale. Isabella si innamora di lui e nonostante tutti gli avvertimenti...scappa insieme a lui e si sposano. Cathrine, da sempre (ed ancora) innamorata di lui, impazzisce.

Una volta di ritorno, Heathcliff ed Isabella, si trasferisco a Wuthering Heights ma lei diventa subito vittima della tirannia del marito e alla prima occasione...scappa per l’Inghilterra.
Cathrine intanto è costretta a letto dai dispiaceri e muore la notte stessa in cui da alla luce sua figlia Cathy. Nello stesso anno nasce anche Linton, figlio di Heathcliff ed Isabella. Dopo alcuni anni Isabella si ammala scrive una lettera al fratello invitandolo ad andare a trovarla; prima di morire affida suo figlio a Edgar ma Heathcliff, padre naturale, obbliga i Linton a restituirgli il bambino.

Nonostante la contrarietà di Edgar ci saranno vari incontri tra Cathy, Linton ed Hareton; Cathy scopre di essere la cugina di entrambi ma ben presto si innamora di Linton, attirata dalla sua gentilezza e bellezza. Poco tempo dopo i due si sposano e vanno a vivere a Wuthering Heights, con grande felicità di Heathcliff, che in tal modo progettava di impossessarsi di tutte le ricchezze dei Linton e degli Earnshaw. Dopo poco Linton e lo zio moriranno.


Cathy ed Hareton, che un tempo si odiavano e si disprezzavano, capiscono che solo alleandosi avrebbero potuto sconfiggere la tirannia di Heathcliff - che morì ossessionato dal voler incontrare Catherine che non aveva mai smesso di amare. Il romanzo si conclude con il felice matrimonio di Cathy ed Hareton che si trasferiscono a Thrushcross Grange.

LE MIE OSSERVAZIONI

Ho iniziato a leggere questo libro in estate ed è stato un inizio abbastanza traumatico. Non riuscivo ad andare avanti con la lettura. Mi sono fermata e l’ho ricominciato qualche mese dopo.
Le prime 100 pagine sono state, per me, abbastanza dure nel senso che non passavano mai. A tratti leggevo e dovevo tornare indietro. Poi passato lo scoglio iniziale devo dire che ne è valsa la pena.

Sicuramente il modo di scrivere di Emily Bronte è un modo diverso da tutti i libri che ho letto, a volte difficile, duro, forte quasi violento.
Riesce a descrivere i personaggi in modo tale che al lettore sembra proprio di conoscerli. A volte si rimane sconvolti dalla cattiveria che Emily riesce a mettere nelle descrizioni del protagonista “Headhcliff”. Mi aspettavo di leggere una storia d’amore dove amore, passione e tenerezza ne facessero da padrone invece mi sono trovata davanti ad una storia più che d’amore … di malattia, rabbia ed ossessione.

Consiglio di leggere questo libro. Non so se è un libro che fanno leggere a scuola ma, se così fosse, credo che non sia adatto a persone troppo giovani sia per il contenuto sia per il modo in cui è scritto.
Prendetevi del tempo e un luogo dove potrete concentrarvi nella lettura. Non è sicuramente uno di quei libri che si leggono velocemente in metropolitana.


Immagine presa da: http://filmposter.site40.net/zenphoto/C/Cime+tempestose.jpg.html

7 commenti:

  1. Ciao Michy,
    confesso di avere questo libro a casa e di averlo cominciato anch'io diverse volte per poi bloccarmi : non sono mai riuscita a continuare finora!Francamente detesto iniziare una lettura e non portarla a termine,infatti questo e il romanzo "I love shopping" sono gli unici libri che io abbia mai iniziato per poi abbandonarli dopo qualche pagina : troppo strano il primo e prolisso il secondo! La tua recensione mi ha incuriosita,chissà che magari in un futuro non troppo lontano ritenti di leggere "Cime Tempestose" e forse anch'io ne resterò poi piacevolmente sorpresa..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao vale questa recensione l'ha fatta la Titti! La mia arriverà tra qualche giorno. Questo libro è uno dei miei preferiti e tutte le persone a cui l'ho consigliato sono riaste sorprese, spesso piacevolmente. Te lo consiglio davvero perchè una volta che ti fai trascinare sarà irresistibile! E poi vorremo mica lasciarli li vicino alla Kinsella, sacrilegio ;)

      Elimina
  2. Ups..scusa!La solita svegliona!
    Beh allora ciao Titti:-)
    Sì beh accostare Emily Bronte alla Kinsella è stata pura blasfemia,ma solo per dire che odio non finire i libri che inizio a leggere:-)
    Prima o poi riprenderò in mano "Cime Tempestose",ormai sono troppo curiosa di vedere se mi piacerà!

    RispondiElimina
  3. Ciao Vale..devi davvero tenere duro all'inizio..vedrai che quando sarai li per mollarlo .. inizierà a piacerti! :-)

    Anche io ho letto I love shopping .. e va beh ... forse solo gli ultimi di Moccia e Fabio Volo (perchè i primi non erano neppure tanto male) li considero peggio :-)

    Comunque leggi PERDERSI .. trovi la mia recensione nel "mio angolino" del blog della Michy. Merita davvero. L'ho prestato e non mi è ancora stato restituito. Appena mi torna se ti interessa te lo faccio avere.

    RispondiElimina
  4. Ciao Titti,
    sì beh di "I love shopping" ho letto solo qualche pagina: mi ha talmente annoiato che ho abbandonato subito. Moccia e Fabio Volo non li considero neppure:-)
    Ho letto la recensione di "Perdersi"... sinceramente dopo aver letto la storia di una donna malata di leucemia (non ricordo il titolo del libro) che mi ha molto toccata e angosciata,non so se riuscirei a leggere un libro del genere per il momento. Terrò comunque presente il tuo consiglio e mi segnerò il titolo : mai dire mai,magari prima o poi lo leggerò!
    Grazie,Valentina

    RispondiElimina
  5. Guarda devo dire che quelli di Fabio Volo (ripeto ultimo a parte) non sono male. Soprattutto i primi due.
    E' che Fabio ha sempre un non so che di depresso quando scrive e resta sempre il dubbio che assilla i "Voliani" che a scrivere per lui sia una donna. In effetti leggendo i suoi libri sembra che si avvicini troppo al pensiero del gentilsesso. Comunque se vuoi leggere qualcosa che non è pesante e scorre via veloce lui te lo consiglio.
    Moccia: probabilmente va letto fino a che hai una certa età perchè poi .. ti sembra un po' di tornare indietro. "Scusa ma ti chiamo amore" va bene si puo' anche leggere .. "Amore 14" e i successivi .. direi che si possono lasciare in libreria.

    Cerca di ricordarti il titolo del libro che hai letto che mi interessa. Io sono molto per questo genere di storie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è qualcosa che non mi convince di Fabio Volo,non so bene cosa,forse lo trovo un po' arrogante,ecco perchè non ho mai letto nulla di suo.Però magari leggendo i suoi libri,mi ricrederò,chissà.Sono sempre aperta a tutto!
      Moccia lo trovo un po' banale e forse retorico nel raccontare l'amore,non è tanto il fatto che i suoi romanzi siano rivolti più ad un pubblico di adolescenti..io leggo anche molti libri per ragazzi,perchè in fondo..sono rimasta una bambina dentro:-) Boh,sarà che pure lui mi sta sulle balle:-D
      Il libro invece che ti dicevo si chiama "Reazioni" di Sabina Gallerani : io l'ho trovato molto toccante.
      Buona Pasqua a te e alla Michy:-)

      Elimina